Cronaca Normativa varia

Cani, deiezioni, parchi giochi per bambini

Al giorno d’oggi dovrebbe essere superfluo, se non inutile, dover parlare di regolamenti su come gestire un cane nei pressi di un parco giochi o in un’area pubblica, ma visto lo stato di alcune strade e di alcune aree attrezzate è bene ribadire quale siano gli obblighi per i conduttori di cani.

Ad esempio:

Ai cani muniti di guinzaglio estensibile o non estensibile o museruola accompagnati dal proprietario o da altro detentore è consentito l’accesso a tutte le aree pubbliche e di uso pubblico compresi i giardini e i parchi ad eccezione di quelli dove sia espressamente vietato previo parere vincolante del competente Ufficio per la tutela degli animali mediante apposita segnaletica che riporti l’indicazione dell’area verde accessibile ai cani più vicina.

Ricordiamo però che:

E’ vietato l’accesso ai cani nel raggio di cento metri dalle aree destinate e attrezzate ad aree giochi per bambini.

Ci sembra ovvio che i motivi siano molteplici: sicurezza, pulizia, serenità per i bambini e per i cani. Questa norma, insieme alla mancata raccolta delle deiezioni, sembra la meno nota o rispettata.

A proposito di deiezioni vorremmo ricordare che:

I cani, per i bisogni fisiologici, devono essere condotti negli spazi di terra in prossimità di alberi, negli spazi verdi ed in prossimità degli scolatoi a margine dei marciapiedi. In ogni caso i proprietari o i detentori sono tenuti alla raccolta delle feci emesse dai loro animali, in modo tale da evitare l’insudiciamento dei marciapiedi, delle strade e delle loro pertinenze.+

Per conoscere in dettaglio tutte le norme del Codice comportamento nelle gioco e verdi e le aree ludiche dedicate ai cani clicca qui